Traffico illegale di cuccioli provenienti dall'Est Europa: maltrattati e sofferenti

cuccioli 1' di lettura 30/08/2010 -


Scoperto lunedì un traffico illegale di cuccioli importati dalla Repubblica Slovacca che procurava in particolare cani e gatti strappati alla madre prima di essere svezzati provocandogli carenza di difese immunitarie.



E per questo che i cuccioli provenienti da queste cucciolate erano spesso animali malaticci a cui spesso venivano somministrati farmaci per apparire normali. Costretti in gabbie e senza acqua ad affrontare il lungo viaggio: più che una opportunità di vita migliore era per loro una tortura che sovente li conduceva alla morte.

Una banda criminale che consegnava animali a negozi e allevamenti sparsi tra Milano e Torino: ora sono tutti indagati di associazione per delinquere, maltrattamento di animali, truffa, frode in commercio, falso e violazione di normative comunitarie.

Tra questi anche 2 veterinari che avrebbero modificato la registrazione dei piccoli animali falsificando lla provenienza e attestando, mendacemente, un perfetto stato di salute. Le indagini sono state coordinate dal pubblico ministero di Milano, Nicola Balice, che ha chiuso così il caso.






Questo è un articolo pubblicato il 30-08-2010 alle 19:53 sul giornale del 31 agosto 2010 - 806 letture

In questo articolo si parla di animali, attualità, traffico, cani, gatti, cuccioli, est europa, Traffico illegale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDr





logoEV