SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Pakistan: donna cristiana condannata a morte, l'unica colpa è di vivere in un paese islamico

1' di lettura
1583

Asia Bibi

Il Pakistan, paese principalmente musulmano, ha condannato a morte per blasfemia una donna di credo cristiano: Asia Bibi.

La donna di soli 37 anni è una ragazza che lavora nei campi e madre di due bambini. La confessione che l'ha tradita, conducendola a questa dura sentenza da parte del tribunale di Punjab, è avvenuta tra i suoi colleghi di lavoro che l'hanno accusata di essere blasfema e consigliato alla donna di conventirsi all'Islam.

Bibi per il suo outing è stata picchiata brutalmente dalle donne musulmane che poi hanno sporto denuncia e il risultato dell'azione è stata una multa che è pari a quasi 3 anni del suo guadagno.

Asia Bibi: un'altra Sakineh che rimane nel silenzio del mondo e dei media e che il suo unico sbaglio è di essere cristiana in un mondo che professa il credo islamico. La blasfemia di cui è accusata la giovane donna è materia di aspro dibattito nel suo paese e che il ministro degli Esteri italiano, Franco Frattini sta lavorando per poter portare in salvo la donna da una possibile esecuzione.



Asia Bibi

Questo è un articolo pubblicato il 12-11-2010 alle 18:00 sul giornale del 13 novembre 2010 - 1583 letture