SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Caso Mediatrade: i pm chiedono il rinvio a giudizio di Berlusconi e gli imputati

1' di lettura
2087

Nel corso dell'udienza preliminare per il caso Mediatrade, in cui sono imputati il premier Berlusconi, il figlio Piersilvio, Fedele Confalonieri ed il produttore Frank Agrama oltre altre 8 persone, i pm Fabio de Pasquale e Sergio Spadaro hanno chiesto il rinvio a giudizio per tutti gli imputati al gup Maria Vicidomini.

Nel corso del proprio intervento quindi il magistrato De Pasquale ha ricostruito la vicenda della compravendita dei diritti tv e cinematografici Mediaset (da qui il nome dell'inchiesta). Continuando poi a ribadire la propria richiesta di rinvio a giudizio per tutti, De Pasquale ha inquadrato il ruolo che ogni singolo imputato e sottolineando il rapporto tra loro.

Al termine di questo intervento il magistrato, ipotizzando che la frode fiscale contestata fino al 2009 al premier Silvio Berlusconi, al figlio e ad altri imputati di 8 milioni circa potrebbe ancora essere in corso, ribadisce anche che l'udienza preliminare in atto è stata avviata grazie ad una 'norma strana', la ex Cirielli, che ha cambiato le regole della prescrizione. Pertanto Fabio De Pasquale ha chiesto al gup di rinviare a giudizio le 12 persone imputate per il caso Mediatrade.

L'udienza, che si è conclusa con l'intervento della difesa di Fedele Confalonieri, è stata aggiornata al 2 maggio prossimo.



Questo è un articolo pubblicato il 04-04-2011 alle 19:02 sul giornale del 05 aprile 2011 - 2087 letture