SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
comunicato stampa

La lingua 'verde' compie 124 anni

2' di lettura
2905

Il 26 luglio è una delle date più importanti nel mondo esperantista. Nello stesso giorno del 1887 il polacco Zamenhof presentava al mondo la sua lingua con lo pseudonimo di “Dottor Esperanto”.

Una lingua nasce per rispondere a precise esigenze, quali ad esempio la comunicazione interpersonale. L'Esperanto è stato pensato come “un fondamento neutrale sul quale i diversi gruppi umani possano pacificamente e fraternamente mettersi in comunicazione”. Zamenhof, infatti, giudicando il latino ed il greco inadatti per la vita moderna, escluse anche l’utilizzo di un idioma nazionale in ambito internazionale, orientandosi piuttosto verso la pianificazione di una lingua. Una lingua etnica, infatti, è espressione di una cultura ben precisa ed è custode di numerose irregolarità ed espressioni idiomatiche di difficile apprendimento. L'Esperanto si propone, quindi, come una seconda lingua per tutti, tale da non creare una casta di privilegiati 'madrelingue'.

L'Esperanto da subito destò l'interesse di studiosi ed appassionati, tra i quali Jules Verne, presidente onorario del gruppo esperantista di Amiens, che nel 1903 intraprese la stesura di un libro - rimasto incompiuto a causa della sua improvvisa morte - Vojage d’étude, in cui il romanziere francese valutò l’esperanto come “il più sicuro, il più valido veicolo della civilizzazione”.

Nel 1905 Zamenhof – ricevendo la “Legione d’Onore” dal Ministro francese della Pubblica Istruzione - fissò i principi fondamentali nel “Fundamento de Esperanto” e nella città di Boulogne sur-le-mer si riunirono per I Congresso Universale 668 esperantisti provenienti da 20 paesi.

Nel secondo dopoguerra, venuta meno la minaccia del nazismo, il movimento esperantista è tornato ad organizzarsi con maggiore efficacia, ottenendo importanti riconoscimenti a livello internazionale quali ad esempio le risoluzioni Unesco di Montevideo (1954) e Sofia (1985).

L'Esperanto oggi è una lingua viva e forte di una cultura fatta di musica e letteratura originale e tradotta. Anche in Italia l'interesse per la lingua 'verde' (il colore dell'Esperanto) è forte: sul territorio nazionale sono presenti numerosi gruppi locali che fanno riferimento alla Federazione Esperantista Italiana.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 20-07-2011 alle 16:07 sul giornale del 21 luglio 2011 - 2905 letture