SEI IN > VIVERE ITALIA > ECONOMIA
comunicato stampa

Fisascat: colf e badanti, a breve l'apertura del tavolo negoziale per il rinnovo del Ccnl

2' di lettura
3264

badante

Le organizzazioni sindacali Fisascat Cisl e UIltucs Uil hanno trasmesso alle associazioni datoriali Fidaldo e Domina la piattaforma per il rinnovo del contratto nazionale del lavoro domestico scaduto il 28 febbraio 2011.

Con il documento le due categorie del terziario, nel riconoscere al lavoro domestico l’alta valenza sociale spesso al confine tra economia e welfare, hanno voluto stabilire in maniera molto netta e precisa il valore e le funzioni del lavoro svolto dalle colf e dalle badanti, prevalentemente donne immigrate.
“In uno scenario di disinteresse dello Stato e di gravi carenze deiservizi pubblici di assistenza alla famiglia e ai non autosufficenti, la difesa e l’avanzamento del contratto nazionale è fondamentale – ha dichiarato il segretario nazionale della Fisascat Rosetta Raso - Gli strumenti sussidiari, come la bilateralità, gli interventi di welfare, un nuovo ruolo della formazione ed il riconoscimento della professionalità sono le leve contrattualipiù significative che rappresentano oggi, accanto agli aumenti salariali, gli obiettivi da realizzare attraverso la contrattazione”.

Ed è per questo che tra le richieste di Fisascat e Uiltucs risulta subito evidente l’attenzione alla valorizzazione dei percorsi formativif inalizzati all’attribuzione di una qualifica e di una progressione orizzontale da realizzarsi attraverso un aumento del monte ore annuo destinato alla formazione.
Prioritarie per le due federazioni anche nuove tutele in ordine alla maternità, alla malattia e la espressa richiesta del rispetto delle normative vigenti in caso di risoluzione del rapporto di lavoro.

Richieste di modifica anche in ordine ai contributi di assistenza contrattuale con un aumento della quota a carico del datore di lavoro e con la previsione dell’obbligo di risarcimento dei danni causati al lavoratore dalla perdita delle prestazioni della Cassa Colf, la cassa di assistenza sanitaria per colf e badanti operativa dal 1° luglio 2010, in caso di omissione del versamento contributivo.
Sulla parte economica la richiesta di incrementi salariali che tengano conto della valorizzazione della professionalità e l’adeguamento dei minimi retributivi alle realtà del mercato.

“Il rinnovo contrattuale del settore vedrà la Fisascat fortemente impegnata nei prossimi mesi – ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Pierangelo Raineri – Le previsioni demografiche assegneranno alle colf ed alle badanti un ruolo primario di assistenza familiare che merita il rafforzamento delle tutele introdotte con il precedente rinnovo contrattuale e nuovi percorsi di formazione che possano garantire una professionalità adeguata alle esigenze delle famiglie, degli anziani e dei non autosufficienti”.



badante

Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2011 alle 11:24 sul giornale del 30 luglio 2011 - 3264 letture