SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Messico: altri 36 cadaveri trovati nello stato di Veracruz

1' di lettura
3847

I cadaveri di 36 persone sono stati individuati all’interno di tre abitazioni a Boca del Rio, in Messico. L’ultimo macabro ritrovamento risale allo scorso 20 settembre, quando 35 cadaveri erano stati rinvenuti davanti a un hotel della stessa città all’interno di due furgoni.

Il macabro ritrovamento arriva a soli due giorni dall'annuncio del governo di una massiccio dispiegamento di polizia ed esercito nella zona, dove negli ultimi mesi si è assistito a una recrudescenza di violenze nella guerra tra i cartelli della droga.

Le vittime erano per lo piu' membri del famigerato clan degli Zeta, una delle due principali organizzazioni criminali del Paese dedite al narcotraffico diretto verso gli Stati Uniti, in lotta da anni contro gli ex sodali del Cartello del Golfo.

La strage del 20 settembre era stata rivendicata da una formazione paramilitare: i 'Mata Zetas' che si presentano come alleati delle autorità e assicurano che il loro obiettivo è quello di mettere fine ai traffici della più sanguinaria banda locale di narcotrafficanti, i 'Los Zetas'.

Gli inquirenti stanno esaminando tutti gli elementi a loro disposizione per comprendere se davvero si debba dar credito a queste dichiarazioni o se semplicemente sia necessario concentrarsi sulla lotta fra clan per comprendere chi sia stato l’autore delle due stragi.



Questo è un articolo pubblicato il 07-10-2011 alle 15:23 sul giornale del 08 ottobre 2011 - 3847 letture