SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Nubifragio su Roma, in tilt il trasporto pubblico, 2 i morti

2' di lettura
1469

Violento nubifragio questa mattina sulla Capitale, con piogge torrenziali, forte vento e grandinate. Allagate strade e scantinati con pesanti ripercussioni sul traffico della città. Chiuse per allagamenti tutte le stazioni della metro A e rallentamenti ad alcune linee ferroviarie. 

Dalle ultime notizie si è appreso che sono due le persone morte per il nubifragio che si e' abbattuto sulla capitale: il cadavere di un anziano e' stato rinvenuto dai vigili del fuoco nello scantinato di uno stabile in zona Infernetto. L'uomo e' annegato a causa dell'allagamento dei locali. Un altro anziano, di cui si erano perse le tracce a Calstelporziano, sul litorale romano, e' stato trovato morto.

Pesanti soprattutto le ripercussioni sul traffico, che in alcune zone tra cui quelle comprese nei municipi XX, XIX e VII è letteralmente andato in tilt. Diverse le strade chiuse per l'acqua alta, ma forti problemi ci sono anche per chi è a piedi: sono tanti i marciapiedi della capitale sommersi da diversi centimetri d'acqua.

La linea A della metropolitana è stata sospesa, molte stazioni sono allagate. Per la stessa ragione, è stata chiusa parzialmente la linea B, nel tratto tra Garbatella e Rebibbia. Il servizio bus è servizio fortemente perturbato per tutta la rete. Linee Atac. 987 785 235 200 224 32 69 zone Salaria, Ponte Milvio, Magliana, Cassia, Fidene ferme per impraticabilità percorso.

"Stiamo valutando se è il caso di fare dichiarazioni di stato di emergenza". Così, a margine di un convegno al ministero degli Affari Esteri, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha commentato la situazione della città colpita dal maltempo.

Il forte nubifragio ha causato difficoltà al traffico aereo ed ha impedito anche la partenza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per Pisa dove era atteso alle 10 per inaugurare la Domus Mazziniana: la cerimonia alla Domus Mazziniana e davanti al monumento a Garibaldi è stata spostata al pomeriggio.



Questo è un articolo pubblicato il 20-10-2011 alle 10:09 sul giornale del 21 ottobre 2011 - 1469 letture