Cattolica: spaccio di droga, tre arresti e dieci denunce tra Pesaro e Rimini

cocaina 1' di lettura 04/11/2011 -

Tre albanesi, di età compresa tra i 21 e i 40 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti.



I tre, due fratelli e il cognato, avrebbero scelto un bar di Cattolica come punto di ritrovo e di spaccio di cocaina. La sostanza sequestrata ai tre albanesi, secondo gli accertamenti dei militari, conteneva la ‘tropacocaina’, sostanza organica con proprieta’ di anestetico locale, e il ‘levamisolo’, composto aromatico antiparassitario usato in veterinaria come vermicida.

La droga, destinata al mercato di Cattolica (Rimini) e Tavullia (Pesaro Urbino), se assunta in grandi quantità potrebbe avere serie conseguenze sugli assuntori: infezioni della pelle, polmonite, nausea e febbre.

Al termine dell'operazione, denominata Aquila, che ha portato all'arresto dei tre albanesi e al sequestro della droga, sono state denunciate anche dieci giovani del pesarese e del riminese.






Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2011 alle 17:02 sul giornale del 05 novembre 2011 - 614 letture

In questo articolo si parla di cronaca, droga, carabinieri, cocaina, tavullia, Sudani Alice Scarpini, cattolica, spaccio di sostanze stupefacenti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/reU





logoEV