Fecondazione assistita, no per i portatori di malattie genetiche

gravidanza 1' di lettura 15/11/2011 -

Secondo le nuove linee guida del Ministero della Salute sulla legge 40, i portatori di malattie genetiche non potranno fare ricorso alla fecondazione assistita.



Le nuove linee, arrivate sul tavolo del Consiglio Superiore di Sanità che deve esprimere il parere obbligatorio, non lo prevedono nonostante le sentenze dei tribunali di Salerno, Bologna e Firenze.

L'uso delle tecniche è permesso a chi è infertile anche se portatore di malattie infettive come Hiv, Hbv e Hcv. Non si citano le malattie genetiche nonostante alcune sentenze abbiano riconosciuto questo diritto ad alcune coppie fertili che rischiavano di avere figli con gravi malattie come la talassemia e la fibrosi cistica.

L'atto aggiorna quello del 2008 firmato dal ministro di allora, Livia Turco.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2011 alle 17:51 sul giornale del 16 novembre 2011 - 1165 letture

In questo articolo si parla di attualità, francesca morici, gravidanza, fecondazione assistita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rHp





logoEV