Il governo Monti approva il secondo decreto su Roma Capitale, polemiche

Mario Monti 1' di lettura 21/11/2011 -

L'esecutivo guidato da Mario Monti, lunedì mattina, ha preso la prima decisione formale approvando il secondo decreto legislativo su Roma Capitale.



Il decreto permetterà al sindaco di Roma di trattare direttamente col governo per tutto ciò che riguarda la Capitale escludendo la città dai vincoli di finanza pubblica che disciplinano gli altri enti locali.

Dopo 30 anni di attesa il Consiglio dei ministri del nuovo governo tecnico mette le ali alla riforma di Roma Capitale, annuncia soddisfatto il sindaco Alemanno aggiungendo che si stanno così sbloccando tutti i passaggi legislativi necessari a dare a Roma una governance più adeguata, al pari delle altre capitali europee.

Tuttavia non sono mancate le polemiche. Non solo quelle scatenate dalla Lega, secondo la quale il nuovo governo dovrebbe concentrarsi sul federalismo fiscale e non partire da Roma Capitale, ma anche quelle di chi come Pd e La Destra di Storace si oppone a utilizzare questo secondo decreto su Roma Capitale per aumentare i posti dei consiglieri comunali.






Questo è un articolo pubblicato il 21-11-2011 alle 14:44 sul giornale del 22 novembre 2011 - 1135 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rVz





logoEV