Pavia: primo tumore curato con la terapia dei protoni

cellule staminali 1' di lettura 22/11/2011 -

A 10 anni dalla realizzazione del centro ideato dal fisico Ugo Amaldi e voluto da Umberto Veronesi , il primo malato affetto da un tumore raro  ha completato la sua terapia con un fascio di protoni presso il centro di adroterapia di Pavia. 



Il centro di adroterapia impiega una forma particolare di radioterapia che utilizza, anziché i raggi X, fasci di particelle pesanti, dette adroni tra i quali ricordiamo gli ioni carbonio ed i protoni, per trattare un'ampia gamma di patologie, prevalentemente ma non esclusivamente tumorali.

Il resoconto del primo trattamento è stato fatto ieri a Genova, al congresso nazionale dei radioterapisti oncologici, dal professor Roberto Orecchia, direttore scientifico del Cnao.

Il risultato è stato reso possibile grazie a un finanziamento di 124 milioni di euro e ai contributi del ministero della salute. "E' un progetto innovativo che si basa sull'uso terapeutico di ioni pesanti - ha spiegato Orecchia- che possono essere efficaci su tutti i malati ma non su tutti i tipi di tumori”.






Questo è un articolo pubblicato il 22-11-2011 alle 17:11 sul giornale del 23 novembre 2011 - 1300 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti, ricerca, cellule staminali, tumori, cellule, Veronesi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/rZC





logoEV