Influenza: in arrivo l'H3N2 'australiana', previsti dai 2 ai 4 milioni di casi

1' di lettura 23/11/2011 -

Terminata la stagione estiva, durata più a lungo del previsto, le temperature in Italia si sono ormai abbassate e con l'inverno arriva anche l'influenza. Quella di quest'anno è l'H3N2 detta 'australiana'.



Il primo caso è stato accertato a Genova su un paziente di 40 anni, colpito da polmonite e ricoverato all'ospedale San Martino. Secondo il direttore del dipartimento malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanita' Gianni Rezza, l'arrivo dell'influenza stagionale, che quest'anno è prevista in circolazione con tre virus (H3N2, H1N1 (quello dell'influenza A) e B/Brisbane), tutti e tre coperti dal vaccino trivalente in distribuzione già da oltre un mese, è perfettamente nei tempi. In genere, spiega il direttore, la prima comparsa del virus influenzale si ha alla fine di novembre e quasi sempre al nord. Ora la diffusione dell'australiana aumenterà fino a raggiungere il picco tra natale e febbraio.

Le stime prevedono, salvo le piccole mutazioni che ogni tanto insorgono in questi virus, dai 2 ai 4 milioni di casi complessivi in Italia per la stagione 2011-12. La previsione è del virologo Fabrizio Pregliasco, il quale sottolinea che quest'anno la stagione influenzale sarà più mite rispetto alla precedente. Tuttavia il consiglio dei medici, soprattutto per i soggetti appartenenti alle cosiddette categorie a rischio (bambini, anziani e malati cronici), è quello di vaccinarsi il prima possibile perchè si è ancora in tempo. Inoltre, spiegano, vaccinarsi è importante per evitare complicanze anche gravi: ogni anno, l'influenza determina circa 2.000 decessi per complicanze di vario genere.






Questo è un articolo pubblicato il 23-11-2011 alle 15:18 sul giornale del 24 novembre 2011 - 1459 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice Scarpini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/r38





logoEV