L'Atleta di Lisippo più vicino all'Italia, confermata la confisca

2' di lettura 04/05/2012 - Era l'estate del 1964 quando alcuni pescatori di Fano, tirando le reti in barca, scoprirono l'Atleta di Lisippo. Le braccia della statua in bronzo erano infatti rimaste impigliate nelle reti dei pescatori. Dopo un'incessante compravendita la statua si trova oggi a Los Angeles, ma la magistratura ha deciso: "Deve tornare in Italia".

Dopo il ritrovamento la statua venne venduta ai Barbetti, famiglia proprietaria delle note cementerie, e venne quindi trasferita a Gubbio. Dall'Umbria la statua venne nuovamente venduta e passò prima in Brasile, poi tornò in europa per un'opera di restauro, e ripartì ancora alla volta dell'America dove venne esposta prima a Boston e poi a Los Angeles dove la statua si trova ad oggi.

Accanto alla compravendita, però, andavano di pari passo anche le vicende giudiziarie. Lo stato italiano, la procura di Pesaro e l'associazione Cento Città si erano mosse per riportare il Lisippo in Italia. Giovedì il GIP di Pesaro, Maurizio di Palma, ha confermato la confisca della statua.

Il sequestro era stato disposto nel 2010 dal GIP Lorena Mussoni che aveva riconosciuto illegale l'esportazione dell'opera, ma il Museo Getty, attuale proprietario del bene, aveva presentato ricorso presso la Cassazione la quale, a sua volta, aveva disposto che avvenisse un contraddittorio tra le parti.

Giovedì, dopo che erano state evase le richieste della Cassazione, il GIP si è nuovamente pronunciato sul caso: l'opera deve tornare in Italia. L'unico dubbio, e l'unica arma per il Museo Getty, era il dubbio che la barca al momento del ritrovamento della statua si trovasse in acque internazionali, ma anche in questo caso la legge italiana in vigore all'epoca attribuirebbe la proprietà all'Italia, in quanto l'imbarcazione batteva bandiera italiana.

Ora sarà necessario capire se gli Stati Uniti accetteranno le decisioni del tribunale di Pesaro.






Questo è un articolo pubblicato il 04-05-2012 alle 02:13 sul giornale del 05 maggio 2012 - 1503 letture

In questo articolo si parla di attualità, lisippo, alberto bartozzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yBv





logoEV