Genova: gambizzato l'ad di Ansaldo Nucleare Roberto Adinolfi

roberto adinolfi 1' di lettura 07/05/2012 - Roberto Adinolfi, amministratore delegato di Ansaldo Nucleare, è rimasto ferito lunedì mattina durante un attentato di stampo terroristico.

Il fatto è avvenuto poco dopo le otto in via Montello, nel quartiere di Marassi dove Adinolfi abitava. Il manager, come ha riferito agli uomini del Ros, era atteso in stada da due uomini, uno dei quali l'ha seguito e l'ha colpito a una gamba con un colpo di pistola, per poi salire sulla moto guidata dall'altro e fuggire.

Le condizioni dell'ad di Ansaldo non sono gravi, è ricoverato all'ospedale San Martino dove ha subito un'operazione per la riduzione della frattura alla tibia.

Roberto Adinolfi, 53 anni, ingegnere, ha moglie e due figli e ha percorso tutta la carriera all'interno del gruppo Ansaldo.

Finora non sono giunte rivedindicazioni, la Procura segue tutte le piste possibili, ma secondo gli inquirenti l'attentato ha una chiara matrice terroristica, vista la tecnica utilizzata, in puro stile "Brigate Rosse". Gli investigatori spiegano che uno dei primi attentati delle Br negli anni '70 fu proprio all'Ansaldo di Genova.






Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2012 alle 16:20 sul giornale del 08 maggio 2012 - 1864 letture

In questo articolo si parla di cronaca, attentato, marco vitaloni, roberto adinolfi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yIK





logoEV