Il boss provenzano ha tentato il suicidio in cella. Vero o simulato?

bernardo provenzano 1' di lettura 11/05/2012 - Il boss di Cosa Nostra Bernardo Provenzano ha tentato il suicidio nel carcere di Parma. Il fatto - avvenuto nella tarda serata di mercoledì nell'area riservata della struttura che lo ospita - sarebbe però una messinscena.

Questa la ricostruzione: Provenzano, che era a letto, ha infilato la testa in una busta di plastica con il proposito di uccidersi. In uno dei ripetuti controlli, si è subito accorto del fatto un poliziotto penitenziario del Gom (Gruppo Operativo Mobile), il quale è intervenuto, evitando il suicidio.

Secondo il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, il boss avrebbe solo simulato il suicidio, con un piccolo sacchetto utilizzato per conservare i farmaci. Provenzano, spiegano fonti all'interno del Dap, è stato sottoposto recentemente a perizie che hanno stabilito che è in grado di intendere e di volere, ma già da giorni avrebbe cercato di dimostrare la sua pazzia.

Bernardo Provenzano, che ha 79 anni ed è detenuto dal 2006 in regime di 41 bis (il carcere duro), sta scontando le sue condanne all'ergastolo nella sezione protetta del carcere di Parma.






Questo è un articolo pubblicato il 11-05-2012 alle 02:06 sul giornale del 11 maggio 2012 - 1764 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti, mafia, carceri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/yUw





logoEV