Nuova strage dei narcos in Messico: trovati 49 corpi in Nuevo Leon

1' di lettura 14/05/2012 - 43 corpi di uomini e 6 di donne sono stati rinvenuti sabado notte nell’autostrada per Reynosa, nel municipio di Cadereyta. Il governo di Nuevo León ha informato che il pluri omicidio é stato rivendicato dal potente cartello degli Zetas.

Il portavoce dello stato di Nuevo León ha dichiara: "I cadaveri sono mutilati e in sacchetti di plastica neri, lasciati all'alba sul ciglio della strada. Tutto indica che queste persone siano state uccise in uno o due giorni e questo lascia supporre che non siano state tutte assassinate sul posto".

Vicino ai corpi è stato trovato un biglietto di rivendicazione degli Zetas, gruppo criminale creato e diretto da ex esponenti delle unità militari d'elite dell'esercito messicano. Nella piazza di Monterrey i cittadini hanno ricordato l'eccidio formando il numero 49 con le scarpe degli scomparsi .

Il portavoce della sicurezza dello stato di Nuevo León, Jorge Domene Zambrano, ha spiegato che per evitare che le persone fossero identificate dal Ministerio Pubblico, gli assassini non hanno lasciato ne le teste, ne le manid delle vittime.

Mercoledì scorso, nei pressi di Guadalajara, erano stati trovati due veicoli con a bordo 18 corpi decapitati e smembrati.Tutti episodi riconducibili alla guerra per il predominio del mercato della droga tra il cartello degli Zetas, quello di Sinaloa e i narcos del Golfo.

Dal dicembre 2006, quando si insediò il presidente Felipe Calderon che ha lanciato un'offensiva militare contro i narcos, la violenza legata al traffico di stupefacenti ha provocato in Messico più di 50 mila morti.






Questo è un articolo pubblicato il 14-05-2012 alle 15:01 sul giornale del 15 maggio 2012 - 2047 letture

In questo articolo si parla di attualità, violenza, giulia angeletti, messico, narcos

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/y2l





logoEV