Montichiari: stop alla vivisezione dei beagle, sequestrato l'allevamento Green Hill

beagle 1' di lettura 18/07/2012 - Il Corpo Forestale dello Stato e gli agenti della Digos della Questura di Brescia hanno posto sotto sequestro "Green Hill", la controversa azienda di Montichiari che alleva i cani per i laboratori di vivisezione.

Sequestrata l'intera struttura, che tra capannoni, uffici e area circostante occupa una superficie di quasi 5 ettari. I vertici dell'azienda sono ora indagati per maltrattamento di animali.

Nei mesi scorsi Green Hill era stata al centro di numerose manifestazioni di protesta da parte degli attivisti in difesa dei diritti degli animali, compresi alcuni blitz nella struttura per liberare i cuccioli. Ora però i circa 2500 cani dell'allevamento non potranno comunque uscire dall'azienda posta sotto sequestro. L'obbligo di cura spetterà alla Green Hill, i cui rappresentanti sono stati nominati custodi giudiziari insieme al sindaco della cittadina lombarda e alla locale ASL.

A tal proposito il "Coordinamento fermare Green Hil" ha lanciato un appello affinchè la custodia giudiziaria non venga affidata alla Green Hill, proponendo invece l'associazione "Vita da cani", che si occupa a livello nazionale della riabilitazione dei cani da laboratorio, ed è quindi pienamente in grado di accudire al meglio i beagle.






Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2012 alle 18:07 sul giornale del 19 luglio 2012 - 3579 letture

In questo articolo si parla di cronaca, maltrattamenti animali, vivisezione, marco vitaloni, allevamento green hill, montichiari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/BMU