Siria: attacco dei ribelli al quartier generale della polizia a Damasco

Siria 1' di lettura 19/07/2012 - Si intensificano gli scontri a Damasco tra gli insorti dell'Esercito libero siriano e le truppe governative di Bashar al-Assad.

I ribelli antigovernativi hanno attaccato il comando generale della polizia siriano a Damasco. Diversi testimoni hanno udito per oltre un'ora intensi colpi di arma da fuoco nel centralissimo quartiere di Qanawat, molto vicino al comando della polizia.

I comitati di coordinamento locale dell'opposizione hanno intanto comunicato che gli insorti si preparano ad attaccare la sede della tv di stato, lanciando un ultimatum ai dipendenti affinchè abbandonino il palazzo. Alcune fonti affermano che dopo l'assassinio di tre dei suoi più fidati collaboratori, il presidente siriano Assad si sarebbe spostato nella città di Latakia, mentre la moglie si sarebbe rifugiata in Russia.

Si muovono intanto le diplomazie mondiali: una risoluzione Onu presentata dai paesi occidentali, che minacciava sanzioni nei confronti di Damasco in caso di mancato avvio del piano Annan, ha incassato 11 voti a favore, ma Cina e Russia hanno posto il veto. L'ambasciatore britannico Mark Lyall Grant a proposito del veto cino-russo ha parlato di "argomentazioni irrazionali", mentre l'Unione Europea lunedì discuterà di eventuali nuove sanzioni e della preparazione di un piano in caso di crisi umanitaria.






Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2012 alle 18:15 sul giornale del 20 luglio 2012 - 1772 letture

In questo articolo si parla di attualità, onu, siria, damasco, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/BQb