Romania: referendum flop e Basescu è salvo

1' di lettura 30/07/2012 - Resta al suo posto il Presidente rumeno Traian Basescu, non passa il referendum per la sua destituzione.

Voluto dal premier di centro-sinistra Victor Ponta, il referendum che chiedeva la destituzione del Capo dello Stato non ha raggiunto il quorum: si è fermato su una quota di voto poco superiore al 46% dei 18 milioni di aventi diritto; chi ha votato si è espresso all'80% per la destituzione.

Il governo incassata la sconfitta ma lamenta la scarsa affluenza alle urne segno di una scarsa espressione democratica dei cittadini, determinante a questo risultato è stato l'invito al boicottaggio da parte di Basescu.

Victor Ponta ha inoltre commentato dicendo di voler interrompere questa battaglia: “perderebbero tutti se continuassimo a combattere” e di voler lavorare affinché la Romania esca dal periodo di crisi istituzionale che ha portato a questo referendum e ha causato un notevole danno economico con conseguente crollo della moneta nazionale: lo Ieu.






Questo è un articolo pubblicato il 30-07-2012 alle 23:07 sul giornale del 31 luglio 2012 - 1971 letture

In questo articolo si parla di politica, Giacomo Tognon, basescu, romania, referendum

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ChG