Nasce con l'apparato digerente fuori dal corpo: è salvo

Punto nascita 1' di lettura 10/10/2012 - Si è concluso per il meglio il lungo intervento che ha salvato la vita al bambino nato al policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena con una grave malformazione.

Il piccolo è venuto alla luce in anticipo presentando una malformazione chiamata gastroschisi: tutti gli organi del suo apparato digerente si trovavano cioè in posizione extracorporea.

Mario Messina, direttore della Chirurgia Pediatrica dell'ospedale di Siena che ha operato il neonato spiega che gli organi digerenti del piccolo erano gonfi per essere rimasti troppo a lungo immersi nel liquido amniotico e non potevano essere riposizionati nell'addome attraverso l'ombelico: l'équipe senese ha quindi effettuato delle micromanovre di stretching addominale per reinserire gli organi senza compromettere la funzionalità della vena cava.

Il piccolo che ora pesa 3,6 kg (alla nascita ne pesava solamente 2,530) riesce a bere il latte e fra qualche giorno potrà tornare a casa.






Questo è un articolo pubblicato il 10-10-2012 alle 14:46 sul giornale del 11 ottobre 2012 - 2141 letture

In questo articolo si parla di cronaca, neonato, siena, Giulia Casagrande

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ELF





logoEV