Ritorna il Ku Klux Klan: ragazza nera aggredita e bruciata

ku klux klan 1' di lettura 23/10/2012 - Ritorna l'incubo razzista negli Stati Uniti: una giovane ragazza nera è stata aggredita e data alle fiamme da tre militanti del Ku Klux Klan.

Sharmeka Moffit stava facendo jogging in un parco di Winnsboro, in Louisiana, quando è stata brutalmente fermata e aggredita da tre individui con indosso i cappucci bianchi della nota organizzazione razzista. I tre hanno cosparso la giovane con del liquido infiammabile e le hanno dato fuoco. Prima di darsi alla fuga hanno imbrattato l'auto della ventenne, lasciando a mo' di firma la sigla 'KKK'.

La ragazza ha subito chiamato la poliziam ed ha poi tentato di spegnere le fiamme versandosi addosso una bottiglietta d'acqua. La ragazza è ora ricoverata in gravissime condizioni, con oltre metà del corpo ustionato, all'ospedale di Shreveport. Sull'inquietante vicenda è stata aperta un'indagine, a cui prendere parte anche l'Fbi.






Questo è un articolo pubblicato il 23-10-2012 alle 17:46 sul giornale del 24 ottobre 2012 - 3382 letture

In questo articolo si parla di attualità, aggressione, razzismo, Stati Uniti, marco vitaloni, ku klux klan

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Fhi





logoEV