Scandalo Ikea: spiava i suoi dipendenti

ikea 1' di lettura 31/10/2012 - Fa scalpore il nuovo caso francese che vede protagonista la grande azienda di mobili low-cost svedese Ikea. La direzione di Ikea France ''sapeva'' delle pratiche di spionaggio all'interno del gruppo.

L'affaire Ikea è scoppiata lo scorso febbraio, in seguito alle rivelazioni del settimanale Le Canard Enchainé, che accusò la filiale francese dell-Ikea di spiare, in uno dei suoi centri commerciali di Parigi, i candidati all'assunzione, i dipendenti e persino i clienti con cui aveva in corso controversie commerciali.

Lo scorso maggio, Paris è stato licenziato insieme ad altri tre dirigenti della filiale francese di Ikea, tra cui il direttore generale, Jean-Louis Baillot, dopo le diverse denunce dei sindacati e l'apertura di un'inchiesta giudiziaria.

Intervistato dal quotidiano Le Monde, Jean-François Paris, ora ha detto che "non solo la direzione conosceva le pratiche in questione ma le ha ampiamente incoraggiate".

Nonostante il clamore, gli affari di Ikea France non hanno subito rallentamenti, anzi: nel 2011-2012 l’azienda svedese è diventata leader nel mercato dei mobili in Francia, con una cifra d’affari di 2,49 miliardi di euro.






Questo è un articolo pubblicato il 31-10-2012 alle 01:53 sul giornale del 31 ottobre 2012 - 4140 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti, ikea, scandalo, francia, le monde

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Fx4





logoEV