SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Sciopero generale: cortei e scontri in tutta Italia. Guerriglia urbana a Roma

2' di lettura
2406

scontri

Migliaia di persone sono scese in strada in tutta Italia in occasione del primo sciopero generale transnazionale, una giornata europea contro l'austerity, per il lavoro e la scuola.

Numerosi cortei, indetti dalle più diverse organizzazioni, hanno sfilato per le principali città della penisola. Scontri e tafferugli tra manifestanti e forze di polizia sono scoppiati un po' ovunque, con decine di feriti e di fermati. A Roma vere e proprie scene di guerriglia urbana: tutto inizia quando un gruppo di militanti di Blocco Studentesco, vicino a Casapound, tenta di forzare il cordone di sicurezza per andare verso Palazzo Chigi; i manifestanti lanciano pietre, i poliziotti rispondono con una carica di alleggerimento.

Gli episodi più violenti si sono svolti sul Lungotevere: gruppi di studenti si staccano dal corteo e iniziano a lanciare pietre, bottiglie e bombe carta sulla polizia schierata. Le forze dell'ordine disperdono i più violenti con le jeep blindate. Alla fine della giornata il bilancio è di oltre 140 persone identificate e 50 fermate, 16 feriti tra gli agenti. Sequestrati anche numerosi martelli, mazze, scudi e caschi.

A Torino è rimasto ferito un poliziotto aggredito da una ventina di giovani davanti alla sede della Provincia. Un nutrito gruppo di autonomi ha poi fatto irruzione nel palazzo, distruggendo arredi e portando in strada sedie e mobili. Hanno anche issato la bandiera No Tav al posto di quella europea. Alcuni hanno poi tentato di bruciare quella italiana, ma sono stati fermati dagli agenti di polizia. Un altro gruppo di manifestanti ha devastato il cantiere del grattacielo di Intesa SanPaolo.

Diversi scontri tra studenti e polizia anche a Milano: fitti lanci di sampietrini, sassi, petardi, bottiglie di vetro e fumogeni in diverse zone del centro. Vandalizzate anche numerose vetrine di negozi e banche. Diversi feriti e una trentina di fermati anche a Padova, in seguito agli scontro tra forze dell'ordine e giovani dei centri sociali. Tensioni e tafferugli anche a Brescia, Bologna e Firenze, mentre a Napoli i manifestanti hanno bloccato i binari della stazione centrale.



scontri

Questo è un articolo pubblicato il 14-11-2012 alle 23:01 sul giornale del 15 novembre 2012 - 2406 letture