SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Arrestato il Breivik polacco, voleva far saltare in aria il parlamento

1' di lettura
2059

polonia

Poteva essere il più grande attentato terroristico della storia della Polonia.

Ma è stato bloccato dai servizi segreti polacchi il folle piano di un estremista di Cracovia, il quale voleva emulare la strage compiuta sull'isola di Utoya dal neonazista norvegese Anders Breivik.

L'attentatore, arrestato il 9 novembre, ha già confessato tutto: voleva far esplodere un camion contenente quattro tonnellate di tritolo parcheggiato accanto al parlamento di Varsavia in un giorno in cui un'importante seduta avrebbe riunito tutti i parlamentari, il primo ministro Donald Tusk con tutto il governo, e il capo dello Stato Bronislaw Komorowski. Sarebbe stata una strage.

L'uomo, 45 anni, è un professore di chimica dell'Università di agraria di Cracovia. Nazionalista convinto, aveva acquistato clandestinamente notevoli quantità di esplosivo, poi trovato e sequestrato all'interno della sua abitazione. L'attentatore ha confessato agli inquirenti di essere stato in passato in contatto con Breivik, e di considerarlo un "eroe". Sembra anche che l'uomo stesse cercando di fare proseliti tra i giovani, in modo da far nascere un movimento estremista e razzista pronto alla violenza e alla lotta armata.



polonia

Questo è un articolo pubblicato il 20-11-2012 alle 23:20 sul giornale del 21 novembre 2012 - 2059 letture