SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Primarie: vince Bersani con oltre il 60%. Renzi: 'Ho sbagliato, vittoria Bersani netta'

2' di lettura
2151

Sarà Pierluigi Bersani il candidato premier del centrosinistra alle prossime elezioni.

Con il 61,5% delle preferenze il segretario del Partito Democratico ha infatti battuto nettamente Matteo Renzi nel ballottaggio delle primarie. Il risultato era chiaro fin dai primi exit poll. Già alle 20.20 Renzi ammette la sconfitta twittando: "Era giusto provarci, è stato bello farlo insieme".

Dopo una lunga campagna elettorale, con gli ultimi giorni caratterizzati dalle polemiche sulle regole del voto e su possibili brogli, Bersani ottiene la larga affermazione che voleva, che gli garantisce piena legittimità nella competizione elettorale.

"Ho appena chiamato Bersani per fargli i complimenti. E' stata una vittoria netta, complimenti e in bocca al lupo, nessuna regola diversa avrebbe potuto mettere in discussione qusto risultato" ha commentato Renzi, parlando alla Fortezza da Basso davanti ai suoi sostenitori. "Qualcosa abbiamo sbagliato, io ho sbagliato. Non sono riuscito a scrollarmi di dosso l'immagine del ragazzetto ambizioso, non ci siamo tolti l'immagine di qualcosa di diverso e non abbiamo vissuto con serenità le accuse personali". Renzi spiega così la sua sconfitta.

"Abbiamo dimostrato che siamo un grande collettivo che discute, ma che decide e che funziona". Sono queste le prime parole di Bersani dopo la sua affermazione. Ringrazia tutti Bersani: la sua famiglia, i centomila volontari che hanno lavorato per realizzare le primarie, Nichi Vendola, Bruno Tabacci e Laura Puppato. E Matteo Renzi, a cui Bersani manda un abbraccio e la "riconoscenza per aver portato forza e freschezza, e un grande contributo a queste consultazioni".

"Ora avanti, tutti assieme. Perchè è finito il tempo dell'uomo solo al comando". Per Bersani è già tempo di pensare al futuro, al programma elettorale con cui presentarsi e vincere alle prossime elezioni. Contro chi non importa: "Io ho vinto. Ora chi arriva arriva".



Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2012 alle 21:58 sul giornale del 03 dicembre 2012 - 2151 letture