Garlasco, processo da rifare: la Cassazione annulla l'assoluzione di Stasi

villa di garlasco 1' di lettura 18/04/2013 - La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di assoluzione di Alberto Stasi per l'omicidio di Chiara Poggi, avvenuto il 13 agosto 2007 a Garlasco (Pavia).

Accogliendo in pieno il ricorso della Procura di Milano e dei genitori della vittima, la Cassazione ha disposto la celebrazione di un nuovo processo d'appello, da tenere davanti a un'altra sezione della Corte d'assise d'appello di Milano. Alberto Stasi era stato assolto sia in primo grado, nel 2009, sia in secondo grado, nel 2011. Decisiva la mancanza di prove certe, contro di lui solo pochi indizi che non sono riusciti a mettere d'accordo gli esperti.

Chiara Poggi, 26 anni, venne uccisa nella sua villetta di Garlasco, mentre il resto della famiglia era in vacanza. Fu l'allora fidanzato Stasi, allora 24enne, a dare l'allarme. Su di lui puntano fin da subito le indagini. Diversi elementi non convincono gli investigatori: la mancanza di sangue sulle sue scarpe, l'assenza delle sue impronte sul pavimento insanguinato di casa Poggi, e una serie di dettagli sul ritrovamento della vittima.






Questo è un articolo pubblicato il 18-04-2013 alle 15:48 sul giornale del 19 aprile 2013 - 2950 letture

In questo articolo si parla di cronaca, villa di garlasco, chiara poggi, cassazione, alberto stasi, marco vitaloni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/LXd