Facebook censura la foto dell’asceta nudo: proteste in India

facebook 1' di lettura 29/06/2013 - Un coro di proteste, contro il noto social network Facebook si è levato in India in seguito alla decisione di bloccare l’account di un 23enne che sulla sua pagina aveva pubblicato la foto dell’asceta Muni Shri Punyanandi, completamente nudo.

Il giovane appartiene alla setta religiosa dei Digambara (`vestiti di cielo´ in sanscrito), la più radicale delle due correnti del giainismo, contraria al possesso di qualsiasi oggetto, compresi gli indumenti. Il sito ha giustificato la scelta sostenendo che era ‘’oscena’’ e ‘’offensiva’’.

Successivamente chiarita la situazione, l’accesso alla pagina è stato ripristinato, ed ora funziona, ma le critiche da parte della comunità religiosa non si sono fermate. Il social network è stato accusato di ignoranza e un portavoce della locale comunità ha perfino minacciato il ricorso alle vie legali. Il giainismo è una delle tre religioni indiane insieme all’induismo e al buddhismo, conta circa 10 milioni di fedeli nel mondo e si ispira ad una forma estrema di non violenza e di rispetto per tutte le creature viventi.

Per ora da Facebook nessuna reazione, anche se il sito era già finito nell’occhio del ciclone per aver censurato le foto delle femministe di Femen, come quelle di donne che allattano.






Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2013 alle 22:07 sul giornale del 01 luglio 2013 - 3021 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, facebook, Sara Santini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/OSB