Inquinamento e cancro al polmone, confermato il legame diretto

Smog 1' di lettura 10/07/2013 - E' stata confermata per la prima volta la stretta relazione tra inquinamento atmosferico e tumore al polmone.

Lo rivela una ricerca europea pubblicata sulla rivista "Lancet Oncology", alla quale partecipa anche l'Italia con un gruppo di ricerca dell'Istituto nazionale dei tumori di Milano. Lo studio, svolto su oltre 300mila persone residenti in 9 paesi europei, seguiti per tredici anni di fila, ha dimostrato che più alta è la concentrazione di inquinanti nell'aria maggiore è il rischio di sviluppare un tumore al polmone.

E' stato misurato in particolare l'inquinamento causato dalle polveri sottili tossiche presenti nell'atmosfera (particolato Pm 10 e Pm 2,5) dovute in gran parte alle emissioni di motori a scoppio, impianti di riscaldamento e attività industriali. Secondo la ricerca il rischio di tumore al polmone aumenta di circa il 22% per ogni incremento di 10 microgrammi di Pm 10 per metro cubo.

Inoltre è emerso che tra i nove Paesi presi in esame (Italia, Svezia, Norvegia, Danimarca, Olanda, Regno Unito, Austria, Spagna e Grecia) l'Italia è il più inquinato. Nel nostro paese le città interessate dal monitoraggio sono state Torino, Roma e Varese.






Questo è un articolo pubblicato il 10-07-2013 alle 18:33 sul giornale del 11 luglio 2013 - 2396 letture

In questo articolo si parla di attualità, smog, marco vitaloni, tumore al polmone, inquinamento atmosferico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/PiQ





logoEV