Cina: terremoto di magnitudo 6.1, centinaia di vittime

Terremoto 1' di lettura 03/08/2014 - Una violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6,1 della scala Richter, ha colpito la provincia sud-occidentale cinese dello Yunnan.

L’agenzia di stampa ufficiale “Xinhua” parla di almeno 350 morti accertati e oltre 1.400 feriti, circa 180 le persone che risultano ancora disperse. Moltissime le case distrutte nell'area, densamente popolata: si parla di circa 12mila abitazioni crollate e altre 30mila lesionate. Il sisma si è verificato domenica pomeriggio alle 16.30, ora di Pechino (10.30 in Italia). L'epicentro è stato localizzato a circa 300 chilometri dal capoluogo provinciale Kunming, mentre l’ipocentro si trovava ad una profondità di dieci chilometri.

Lo Yunnan è una della provincie a maggior rischio sismico di tutto il Paese. Nel 1974 un terremoto di magnitudo 7,1 uccise circa 1.500 persone. Un altro sisma, di magnitudo 7,7, provocò nel 1970 una autentica strage: 15mila vittime.






Questo è un articolo pubblicato il 03-08-2014 alle 16:27 sul giornale del 04 agosto 2014 - 2411 letture

In questo articolo si parla di attualità, terremoto, cina, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/78z





logoEV