SEI IN > VIVERE ITALIA > SPETTACOLI
articolo

Mostra del Cinema di Venezia: Leone d’Oro a Roy Andersson

2' di lettura
2258

VENEZIA - "A pigeon sat on a branch reflecting on existence" di Roy Andersson vince il Leone D'Oro alla 71 Mostra del Cinema di Venezia. Coppa Volpi ad Alba Rohrwacher per "Hungry Hearts".

Cala il sipario sulla 71esima Mostra del Cinema di Venezia, un'edizione molto "italiana" - con tanti registri e attori nostrani - e un po' snobbata dalle grandi major americane che si riverseranno in questi giorni in Canada per il Toronto Film Festival.

A sorpresa, ad aggiudicarsi il Leone D'Oro è stato "A pigeon sat on a branch reflecting on existence" di Roy Andersson, il film che chiude la trilogia del regista norvegese sull’essere umano - dopo "Songs from the Second Floor" e "You, the Living" - e che lo stesso regista ha descritto come la fusione del "Don Chisciotte" di Cervantes, "Uomini e topi" di John Steinbeck e "Delitto e castigo" di Dostoevskij. La pellicola racconta in 39 piani sequenza le esistenze di altrettanti personaggi, surreali e distrutti: venditori di maschere e travestimenti, l’ex capitano di un traghetto che ora è passato a fare il parrucchiere e l’insegnante di flamenco che si lascia andare con uno dei suoi allievi.

Adersson batte così a sorpresa due dei film favoriti alla vigilia delle premiazioni: "The Postman's White Nights" del russo Andrei Konchalovsky - che si è aggiudicato il Leone D'Argento" e Bird Man di Inarritu.

Gloria anche per l'Italia grazie a "Hungry Hearths" di Saverio Costanzo che consacra i suoi due attori protagonisti: Alba Rohrwacher e Adam Driver vengono infatti premiati con la Coppa Volpi per le migliori interpretazioni femminili e maschili. "Belluscone: una Storia Italiana" si aggiudica invece il Premio Speciale della Giuria.

Per tutti i premi e le foto è possibile consultare il sito della Mostra del Cienema



Questo è un articolo pubblicato il 07-09-2014 alle 12:52 sul giornale del 08 settembre 2014 - 2258 letture