SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Pakistan: bruciati vivi due cristiani accusati di blasfemia

1' di lettura
2279

Due giovani cristiani sono stati bruciati vivi dalla folla perchè accusati di blasfemia.

E' accaduto in Pakistan, in un villaggio a sud di Lahore. Lo riferisce Fides, l’agenzia dei missionari, che riporta il racconto dell’avvocato e attivista per i diritti umani Sardar Mushtaq Gill. La coppia di cristiani, il 26enne Shahzad e la 24enne Shama, è stata sequestrata e tenuta in ostaggio per due giorni all’interno della fabbrica di argilla in cui lavoravano, ed è stata infine spinta a forza nella fornace. La polizia è intervenuta ma non ha potuto fare altro che constatare il decesso dei due e fermare, per un primo interrogatorio, 35 persone.

Le vittime erano state accusate di blasfemia dalla gente del villaggio per aver bruciato alcune pagine del Corano. Secondo Gill la ragazza, ripulendo l'abitazione del padre morto di recente, avrebbe bruciato alcuni oggetti personali dell'uomo, tra le quali vi sarebbero state alcune pagine del libro sacro dell'Islam. Un vicino, musulmano, avrebbe assistito alla scena e avrebbe sparso la voce, dando inizio a tutto.



Questo è un articolo pubblicato il 04-11-2014 alle 19:10 sul giornale del 05 novembre 2014 - 2279 letture