SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Libia: la Corte Suprema scioglie il Parlamento

1' di lettura
1733

Libia
Libia sempre più nel caos dopo che la Corte Suprema ha dichiarato illegittimo il Parlamento uscito dalle elezioni dello scorso giugno.

Il verdetto rischia ora di far precipitare il paese africano in una guerra civile aperta, con due parlamenti e due governi a contendersi il potere legittimo, parallelamente alla lotta per il potere reale tra le milizie islamiste e quelle degli ex militari. Da una parte la nuova Camera dei Rappresentanti e il governo di al-Thani, riconosciuti dalla comunità internazionale, in esilio a Tobruk, ai confini con l'Egitto, dopo essere stati scacciati da Tripoli a luglio dalle milizie islamiche, che controllano ora la capitale.

Dall'altra il Congresso nazionale generale, la vecchia assemblea legislativa dominata dagli islamisti con sede a Tripoli, che ha subito annunciato di aver assunto le funzioni di nuovo parlamento. Di un paese a pezzi: il governo appena dichiarato illegittimo controlla appena la città di Tobruk, protetta dal vicino Egitto. La vicina Derna è stata proclamata Califfato dalle milizie qaediste di Ansar al-Sharia. La capitale e la Tripolitania sono in mano ad una variegata coalizione islamiste, mentre Bengasi e la Cirenaica sono il teatro degli sconti più violenti tra le milizie dell'ex generale Haftar e quelle islamiche.



Libia

Questo è un articolo pubblicato il 06-11-2014 alle 20:22 sul giornale del 07 novembre 2014 - 1733 letture