SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Vilipendio al Capo dello Stato: Storace condannato a sei mesi

1' di lettura
2329

Francesco Storace, vicepresidente del consiglio regionale del Lazio, è stato condannato a sei mesi per vilipendio al presidente della Repubblica. La pena è però stata sospesa.

Nel 2007 Storace era senatore di La Destra e aveva definito "indegno" il presidente Giorgio Napolitano. In quell’occasione il gruppo politico La Destra aveva criticato l’atteggiamento della senatrice a vita Rita Levi Montalcini accusata di aiutare il governo Prodi sempre più in difficoltà. Venne quindi emesso un comunicato da parte del Quirinale in cui si affermava che “mancare di rispetto, infastidire, tentare di intimidire la professoressa Levi Montalcini, che fa e ha fatto tanto onore all’Italia è semplicemente indegno”.

La risposta di Storace non si era fatta attendere: “Giorgio Napolitano non ha alcun titolo per distribuire patenti etiche. Per disdicevole storia personale, per palese e nepotistica condizione familiare, per evidente faziosità istituzionale. È indegno di una carica usurpata a maggioranza”. A Storace sono state riconosciute le attenuanti generiche per aver chiesto scusa al presidente Napolitano. Il legale intanto si dichiara intenzionato a fare ricorso in appello.



Questo è un articolo pubblicato il 21-11-2014 alle 20:12 sul giornale del 22 novembre 2014 - 2329 letture