Corte europea: multa record all'Italia per la gestione dei rifiuti

1' di lettura 02/12/2014 - La Corte di giustizia dell'Unione europea ha inflitto una multa da 40 milioni di euro e una penalità di 42,8 milioni che l'Italia dovrebbe versare per ogni semestre di non applicazione della sentenza, per non essersi adeguata alla normativa europea in materia di gestione dei rifiuti e delle discariche.

Sono infatti 218 le discariche illegali presenti sul territorio italiano. Si tratta della sanzione pecuniaria più pesante mai inflitta dalla Corte Europea da quando i Trattati le danno il diritto di imporre multe agli stati, e cioè dal 1992.

L’Italia infatti è colpevole di non aver rispettato una sentenza del 2007 che dichiarava il Paese inadempiente rispetto agli obblighi stabiliti dalle direttive relative ai rifiuti, ai rifiuti pericolosi e alle discariche di rifiuti. Il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti contrariato dalla decisione sostenendo che la Corte ha sanzionato una situazione che risale al passato, e aggiungendo che con la collaborazione delle istituzioni europee l’Italia non dovrà pagare “nemmeno un euro di quella multa”.






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2014 alle 18:19 sul giornale del 03 dicembre 2014 - 1620 letture

In questo articolo si parla di attualità, rifiuti, redazione, Sara Santini, corte di giustizia europea, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/acn8





logoEV