Corruzione: condannato in appello il senatore Pd Margiotta

salvatore margiotta 1' di lettura 11/12/2014 - La Corte d’Appello di Potenza ha condannato a un anno e sei mesi di reclusione e all’interdizione dai pubblici uffici (pena sospesa) il senatore del Pd Salvatore Margiotta per corruzione e turbativa d'asta.

La vicenda riguarda una presunta tangente da 200mila euro sugli appalti per la costruzione del Centro Oli della Total in Basilicata. La condanna fa riferimento a un’inchiesta condotta nel 2008 dal pm Henry John Woodcock su un presunto “comitato di affari” nato per gestire gli appalti delle estrazioni petrolifere in Basilicata.

Un sodalizio composto da imprenditori, politici, amministratori pubblici e faccendieri che secondo il gip di Potenza aveva praticamente "svenduto" la terra della Basilicata. Nel 2011, al termine del processo di primo grado condotto con il rito abbreviato, il parlamentare, vicepresidente della Commissione Rai, era stato assolto. Dopo la condanna Margiotta ha annunciato di voler autosospendersi dal Pd e da tutti gli incarichi parlamentari.






Questo è un articolo pubblicato il 11-12-2014 alle 20:49 sul giornale del 12 dicembre 2014 - 2419 letture

In questo articolo si parla di cronaca, partito democratico, tangenti, basilicata, corruzione, marco vitaloni, articolo, salvatore margiotta

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/acO1





logoEV