Isis: in Iraq anche le forze speciali italiane

forze speciali 1' di lettura 17/12/2014 - Ci saranno anche le forze speciali tra i militari italiani che partiranno nei prossimi giorni per l'Iraq, nell'ambito dell'offensiva internazionale contro lo Stato Islamico.

Lo ha annunciato il ministro della Difesa Roberta Pinotti nel corso di un’audizione di fronte alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato. Si tratta in tutto di 280 uomini, tra addestratori e consiglieri militari, ai quali si aggiungerà la 'Task Force 45', team di elite composto da incursori di Marina, Folgore, Ranger alpini e Gis dei Carabinieri, e da poco rientrato dall'Afghanistan. Probabilmente 40-50 unità, più elicotteri e blindati.

Aumenta quindi, come richiesto dai partner della coalizione anti-Isis, l'impegno militare italiano in Iraq, dove sono già presenti due droni Predator, 4 cacciabombardieri Tornado, un'aereocisterna e circa 200 uomini dell'Aeronautica. Tutto senza la copertura finanziaria autorizzata dal Parlamento: la Camera finora ha votato e approvato, lo scorso agosto, solo l'invio di armi leggere ai curdi iracheni.






Questo è un articolo pubblicato il 17-12-2014 alle 20:32 sul giornale del 18 dicembre 2014 - 3355 letture

In questo articolo si parla di attualità, iraq, ISIS, marco vitaloni, articolo, Roberta Pinotti, forze speciali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ac6x





logoEV