Argentina: giallo sulla morte del procuratore che accusava la presidente Kirchner

alberto nisman 1' di lettura 19/01/2015 - E' stato ritrovato morto nel suo appartamento Alberto Nisman, 51 anni, procuratore federale argentino titolare di un’importante inchiesta giudiziaria contro la presidente Cristina Kirchner.

Il corpo senza vita è stato trovato dalla madre in bagno, nell'appartamento dell'uomo nell’esclusivo quartiere di Puerto Madero, a Buenos Aires. Il ritrovamento è stato effettuato lunedì mattina, ma la morte risalirebbe alla serata di domenica. La notizia ha fatto molto scalpore dato che il procuratore avrebbe dovuto presentarsi nel pomeriggio di lunedì davanti a una commissione parlamentare per esporre le sue accuse al presidente. Giallo sulla causa della morte: diversi media argentini ipotizzano il suicidio con un colpo di arma da fuoco in testa. Il pm che si occupa del caso, Viviana Fein, si è limitata a dire che nella casa di Nisman è stata trovata una pistola calibro 22.

Il procuratore Nisman stava portando avanti da anni un'inchiesta sull'attentato a un centro ebraico a Buenos Aires nel 1994, in cui morirono 85 persone e rimasero ferite almeno 200. Recentemente il magistrato aveva accusato la presidente Cristina Kirchner, il ministro degli Esteri Hector Timerman e diversi funzionari del governo di aver cospirato per insabbiare l'indagine e coprire il coinvolgimento dei servizi segreti iraniani, rirenuti assieme ad Hezbollah i responsabili dell'attentato. Secondo Nisman, il governo argentino avrebbe predisposto un piano per concedere l'immunità a diverse persone sospettate per l'attacco, in cambio di favori commerciali con l'Iran, in un periodo in cui il Paese sudamericano affrontava una grave crisi energetica. Il piano alla fine non sarebbe stato comunque realizzato.






Questo è un articolo pubblicato il 19-01-2015 alle 20:40 sul giornale del 20 gennaio 2015 - 2614 letture

In questo articolo si parla di cronaca, argentina, Iran, marco vitaloni, articolo, alberto nisman, cristina kirchner

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aedL





logoEV