India: in carcere da 5 anni, rilasciati i due italiani accusati di omicidio

Tomaso Bruno e Elisabetta Boncompagni 1' di lettura 20/01/2015 - Sono stati liberati Elisabetta Boncompagni e Tomaso Bruno, i due italiani condannati all'ergastolo in India per l'omicidio del loro compagno di viaggio e in carcere da cinque anni.

La Corte Suprema di Delhi ha annullato l’ergastolo a cui erano stati condannati Tomaso ed Elisabetta nei primi due gradi di giudizio del processo, e ne ha ordinato l'immediata scarcerazione. L’ambasciata italiana in India ha subito avviato le procedure per il loro ritorno in Italia. Tomaso Bruno, 32 anni, ed Elisabetta Boncompagni, 42enne, erano detenuti in carcere a Varanasi da cinque anni.

Il loro incubo inizia nel 2010, quando partono per un viaggio in India assieme a Francesco Montis, 30 anni all'epoca, compagno di Elisabetta. La notte del 4 febbraio sono in un hotel alla periferia di Varanasi, nella regione dell’Uttar Pradesh. I tre ragazzi fanno uso di droga, hashish ed eroina. Francesco Montis accusa un malore, e muore poco dopo in ospedale. Elisabetta e Tomaso vengono arrestati con l'accusa di omicidio. Un delitto passionale, secondo l'accusa: i due avrebbero ucciso il compagno di Elisabetta per stare insieme.

A luglio 2011 arriva la prima sentenza: condanna all'ergastolo. I pm avevano chiesto la condanna a morte per impiccagione. La sentenza viene confermata in appello, nel settembre 2013. Da allora, tra ritardi e rinvii, i due italiani erano in attesa della sentenza definitiva della Corte Suprema, arrivata quasi a sorpresa martedì mattina.






Questo è un articolo pubblicato il 20-01-2015 alle 18:00 sul giornale del 21 gennaio 2015 - 2531 letture

In questo articolo si parla di cronaca, omicidio, india, ergastolo, marco vitaloni, articolo, Tomaso Bruno, Elisabetta Boncompagni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aef8





logoEV