Cassazione: è rapina sottrarre il cellulare e leggere sms altrui

sms, cellulare, smartphone 1' di lettura 19/03/2015 - Chi sottrae il cellulare al proprietario per leggere i messaggi commette il reato di rapina.

È stata la Cassazione a stabilirlo condannando a due anni e due mesi di reclusione un 24enne di Barletta che aveva rubato il cellulare della ex strattonandola ed entrando in casa sua. La Corte ha sostenuto infatti che sottrarre un cellulare per leggerne il contenuto “integra pienamente il requisito dell’ingiustizia del profitto morale”. Il giovane si era impossessato del telefono della ex per trovare messaggi compromettenti e smascherare la sua infedeltà davanti al padre di lei.

La sottrazione del cellulare secondo la Suprema Corte “assume i caratteri dell'ingiustizia manifesta, proprio perché, violando il diritto alla riservatezza, tende a comprimere la libertà di autodeterminazione della donna". Ora il verdetto 11467 della Seconda sezione penale, depositato giovedì potrebbe costituire un precedente. A nulla è servito all'imputato far presente che nella fase cautelare il Tribunale del riesame "aveva escluso il reato di rapina reputando insussistente il requisito dell'ingiustizia del profitto.






Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2015 alle 18:07 sul giornale del 20 marzo 2015 - 1470 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, corte di cassazione, Sara Santini, articolo, sms, cellulare, smartphone

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/agYJ





logoEV