SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

G8 Genova: la Corte europea condanna l'Italia, alla scuola Diaz fu tortura

2' di lettura
2037

scuola diaz g8 genova
La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia per il comportamento tenuto dalla polizia nel blitz alla scuola Diaz la notte del 21 luglio 2001, durante il G8 di Genova.

Quanto compiuto quella notte da agenti e dirigenti di Ps "deve essere qualificato come tortura", hanno dichiarato i giudici di Strasburgo. La Corte ha stabilito all’unanimità che è stato violato l’articolo 3 della Convenzione europea dei diritti umani: “Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti".

Nella sentenza i giudici specificano che si tratta di un problema "strutturale": l'Italia è stata condannata anche perchè non ha una legislazione penale adeguata, in quanto non prevede il reato di tortura, e non ha nemmeno delle norme in grado di prevenire il ripetersi di possibili violenze da parte delle forze dell'ordine. Nonostante il nostro Paese abbia aderito nel 1989 alla Convenzione di New York del 1984 contro la tortura.

La Corte europea si è pronunciata accogliendo il ricorso presentato da Arnaldo Cestaro, una delle vittime del massacro alla Diaz. All'epoca dei fatti 62enne, l'uomo uscì dalla scuola, diventata in quei giorni un dormitorio per i manifestanti no global, con fratture a una gamba, a un braccio e a diverse costole. Nella sentenza si legge che Cestaro è stato aggredito dagli agenti "in modo completamente gratuito" e "senza che vi fosse un nesso di causalità tra la sua condotta e l’uso della forza da parte della polizia al momento dell’intervento".

Per la Corte le azioni della Polizia in quella notte avevano "finalità punitive" e sono state una vera e propria "rappresaglia, per provocare l’umiliazione e la sofferenza fisica e morale delle vittime". La Corte ha rilevato che i poliziotti che hanno aggredito Cestaro sono rimasti impuniti, in quanto non sono mai stati identificati nè indagati. Lo stato italiano dovrà ora risarcire a Cestaro 45mila euro per il danno morale subito.



scuola diaz g8 genova

Questo è un articolo pubblicato il 07-04-2015 alle 15:56 sul giornale del 08 aprile 2015 - 2037 letture