India: 4 atlete 15enni tentano il suicidio,una è morta, accuse agli allenatori

india 1' di lettura 07/05/2015 - Quattro giovani atlete di canottaggio hanno tentato il suicidio. Una di loro è morta mentre le altre tre sono gravi in ospedale.

È accaduto mercoledì sera nel Kerala in un ostello dell’Authority degli Sport dell’India (Sai) dove le atlete 15enni erano alloggiate a Alappuzha, località a 130 chilometri dalla capitale dello Stato, Trivandrum. Le giovani hanno ingerito frutti di “Othalanga”, conosciuta come 'l'albero dei suicidi". Le atlete hanno lasciato un biglietto per spiegare i motivi del gesto in cui parlavano delle dure condizioni di vita da atlete. Non è chiaro se le giovani accusino il loro allenatore di molestie o se il gesto sia dovuto ad un errore da loro commesso per il quale siano state rimproverate. Sembra infatti che siano state ammonite dopo essere state sorprese a bere alcolici.

I genitori invece attraverso l’emittente televisiva indiana Ndtv hanno affermato: "Le ragazze non erano in grado si sopportare le torture fisiche e mentali" dei loro allenatori. Dal Centro sportivo vengono negate le accuse, e si assicura che nel caso venissero rilevate eventuali responsabilità saranno presi provvedimenti.






Questo è un articolo pubblicato il 07-05-2015 alle 18:03 sul giornale del 08 maggio 2015 - 1906 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, india, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ai7n





logoEV