Roma: clandestino salva donna nel Tevere, premiato con il permesso di soggiorno

1' di lettura 13/05/2015 - Non ha esitato a tuffarsi per salvare una donna che si era gettata nel Tevere. Per questo un giovane bengalese, Khalifa Sobugai, 32 anni, senza fissa dimora, ambulante saltuario e clandestino, ha ricevuto il premesso di soggiorno.

É accaduto martedì pomeriggio intorno alle 18.20. Il giovane bengalese non era il solo a trovarsi nei pressi di Ponte Sublicio, da cui la donna, M.B. una 55enne israeliana, tentava di suicidarsi, ma coraggiosamente si è tuffato per ha cercare di salvarla. In quella zona la corrente del fiume è molto forte, ma è comunque riuscito a raggiungere la donna, anche grazie all’aiuto dei poliziotti che nel frattempo erano giunti sul luogo, e a portarla fuori dall'acqua.

Trasportati entrambi all’ospedale Fatebenefratelli la 55enne è stata ricoverata in prognosi riservata, mentre il soccorritore è stato sottoposto alla profilassi prevista per chi si immerge nel Tevere, prima di essere accompagnato in Commissariato. L’uomo è stato quindi rifocillato ed ha ha ricevuto in premio per il suo "encomiabile e meritorio comportamento", il permesso di soggiorno.






Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2015 alle 19:52 sul giornale del 14 maggio 2015 - 1973 letture

In questo articolo si parla di attualità, roma, redazione, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ajnp





logoEV