Maratona di Boston: condannato a morte l'attentatore

 Dzhokhar Tsarnaev 1' di lettura 15/05/2015 - È stato condannato alla pena di morte Dzhokhar Tsarnaev, l'attentatore della maratona di Boston dell’aprile 2013.



La sentenza è stata letta nell'aula della Corte federale di Boston alla presenza di Tsarnaev, dopo che i 12 giurati sono stati riuniti oltre 14 ore in camera di consiglio. La pena di morte verrà eseguita attraverso una iniezione letale. Nell’esplosione di due bombe morirono tre persone, mentre oltre duecento rimasero ferite.

Il giovane, ora 21enne, è stato giudicato colpevole di tutti i capi di accusa, di cui 17 punibili con la morte. Numerosi erano stati gli appelli contro la pena capitale, tra cui quello dei genitori di Martin Richard, una delle tre vittime dell’attentato. Polemica la reazione, alla decisione della corte, di Amnesty Usa che ha affermato: "Questa non è giustizia". La difesa aveva sostenuto che il giovane avesse agito sotto l’influenza del fratello maggiore Tamerlan Tsarnaev, morto nel corso di uno scontro a fuoco con la polizia.






Questo è un articolo pubblicato il 15-05-2015 alle 22:58 sul giornale del 16 maggio 2015 - 1358 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, maratona di boston, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ajut





logoEV