India: si rifiuta di pagare mazzetta, donna bruciata viva da poliziotti

1' di lettura 08/07/2015 - Nuova terribile storia di violenza sulle donne dall’India: una donna è stata bruciata viva per essersi rifiutata di pagare alla polizia una mazzetta da 100.000 rupie (1.429 euro).

L’incredibile storia giunge dallo Stato del Madhiya Pradesh, nell’India Centrale. Protagonista è una donna di 40 anni che prima di morire ha accusato due poliziotti della cittadina di Barabanki di averle chiesto una mazzetta per liberare il marito che era stato arrestato. Di fronte al rifiuto la donna è stata umiliata, picchiata, poi gli agenti le hanno dato fuoco.

Ustionata sull’80% del corpo la donna è stata ricoverata all’ospedale di Lucknow, dove però i medici non sono riusciti a salvarle la vita. Al momento i due agenti sono stati sospesi e sono sotto inchiesta. Diversa la loro versione dei fatti: la donna si sarebbe data fuoco per protesta.






Questo è un articolo pubblicato il 08-07-2015 alle 16:10 sul giornale del 09 luglio 2015 - 1619 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, india, violenza sulle donne, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/alF5