Ilva: Nichi Vendola tra i 47 indagati per disastro ambientale

Nichi Vendola 1' di lettura 23/07/2015 - Sono 47 gli imputati rinviati a giudizio per il presunto disastro ambientale dell'Ilva. A deciderlo giudice per le udienze preliminari del tribunale di Taranto.

Indagato anche l’ex presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. Per lui l’accusa è quella è accusato di concussione aggravata in concorso. Secondo l'accusa, Vendola avrebbe esercitato pressioni sul direttore generale di Arpa Puglia (Agenzia regionale di protezione ambientale), Giorgio Assennato (a sua volta a giudizio per favoreggiamento personale), per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall'Ilva.

In questo modo l’azienda avrebbe continuato aprodurre senza ridurre le emissioni inquinanti, al contrario di quanto suggerito dall’Arpa in una nota del 21 giugno 2010 stilata dopo una campionatura che aveva rilevato picchi di benzoapirene.

"Ho la coscienza pulita" ha affermato Vendola, aggiungendo: "Ho rappresentato la prima e l'unica classe dirigente che ha sfidato l'onnipotenza dell'Ilva e che ha prodotto leggi regionali all'avanguardia per il contrasto dell'inquinamento ambientale a Taranto".






Questo è un articolo pubblicato il 23-07-2015 alle 18:28 sul giornale del 24 luglio 2015 - 1334 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, Nichi Vendola, ilva, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ammo