Amnesty International accusa Israele di crimini di guerra

Gaza 1' di lettura 29/07/2015 - Amnesty International accusa Israele di aver commesso crimini di guerra nella Striscia di Gaza durante il conflitto dell’estate 2014.

Sarebbero stati 135 i civili morti in rappresaglia alla cattura di un soldato israeliano. Il rapporto, che è stato presentato mercoledì, sostiene che Amnesty International ha le prove di tali crimini di guerra. Gli attacchi compiuti sarebbero stati sia aerei e terrestri.

Non si è fatta attendere la risposta di Israele che ha sostenuto che il rapporto di Amnesty “falsifica” la realtà. Secondo il ministero degli Esteri israeliano, il rapporto è lacunoso "nella metodologia, nella ricostruzione dei fatti, nelle analisi e nelle conclusioni", Amnesty, sostiene ancora il ministero, "ancora una volta dimostra la propria ossessione verso Israele".

L’organizzazione umanitaria ha ricostruito gli attacchi avvenuti tra il 1 e il 4 agosto. Gli osservatori di Amnesty, non erano potuti entrare nella Striscia perché impediti da Israele, ma si sono avvalsi delle tecniche investigative del gruppo londinese di Forensic Architecture, dell’Università di Londra e dell’analisi approfondita di fotografie, di filmati video e testimonianze oculari.






Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2015 alle 21:52 sul giornale del 30 luglio 2015 - 1814 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, amnesty international, gaza, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/amDe