SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Migranti: doppio naufragio al largo della Libia, decine di morti

1' di lettura
1847

Giovedì sera due barche che trasportavano complessivamente quasi 450 migranti sono naufragate a poca distanza dalle coste della Libia, un chilometro al largo della città di Zuwara.

I corpi senza vita di 40 persone sono stati ritrovati nella stiva di una delle due imbarcazioni, finita ad arenarsi sulla spiaggia. Circa duecento migranti che erano a bordo del secondo barcone, il più grande, sono stati tratti in salvo dalla guardia costiera libica, nonostante le scarse risorse a disposizione.

Secondo quanto comunicato dalla Mezzaluna rossa sono stati finora recuperati i cadaveri di 82 persone, mentre un centinaio risultano dispersi, probabilmente intrappolati all'interno del barcone rovesciato. I migranti a bordo delle due imbarcazioni provenivano per lo più dall'Africa subsahariana, da Siria, Pakistan, Bangladesh e Marocco.

Nella serata di giovedì, dopo aver appreso dell'ennesima tragedia, centinaia di cittadini di Zuwara, uno dei principali punti di partenza dei barconi diretti verso l’Italia, sono scesi in strada per protestare contro l'immigrazione clandestina e la tratta dei migranti.

Mercoledì altre 52 persone erano state trovate morte all'interno di un barcone soccorso da una nave svedese al largo delle coste della Libia; giovedì i cadaveri di decine di migranti sono stati ritrovati all'interno di un camion parcheggiato in un'autostrada in Austria.



Questo è un articolo pubblicato il 28-08-2015 alle 14:24 sul giornale del 29 agosto 2015 - 1847 letture