SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Afghanistan: Obama blocca il ritiro delle truppe Usa

1' di lettura
1853

Barack Obama

Il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha annunciato lo stop al ritiro totale delle truppe statunitensi dall'Afghanistan, rompendo la promessa fatta in campagna elettorale di riportare a casa i soldati entro la fine della sua presidenza, nel gennaio 2017.

"In Afghanistan la sicurezza è ancora troppo fragile e non posso permettere che quel Paese diventi un paradiso per i terroristi", ha detto Obama durante il suo discorso alla nazione. "L'impegno americano nel Paese continua, anche se spetterà agli afghani garantire la sicurezza. Le nostre forze li addestreranno e continueranno a combattere ciò che resta di Al Qaeda", ha spiegato Obama.

Secondo il nuovo piano del Pentagono, i circa 9.800 soldati Usa presenti attualmente in Afghanistan vi resteranno per gran parte del 2016, per poi venire ridotti a 5.500 nel 2017. Le truppe rimarranno di stanza nelle basi di Kabul, Bagram, Jalalabad e Kandahar. Il piano precedente prevedeva invece una riduzione progressiva della presenza militare nel corso del 2016, per arrivare a mantenere solo una piccola forza nell'ambasciata americana di Kabul a partire dal 2017.

Il cambio di rotta è stato imposto dall'avanzata dei talebani e degli altri gruppi terroristi, che continuano a guadagnare terreno come non mai negli ultimi 14 anni. E dall'inadeguatezza delle forze afghane, incapaci di affrontare con efficacia tali minacce. Come dimostrato dalla rapidissima presa da parte dei talebani della città di Kunduz, avvenuta il mese scorso. Città riconquistata dagli afghani solo dopo due settimane e con il supporto decisivo delle forze Usa. Durante i combattimenti gli Stati Uniti bombardarono per errore un ospedale di Medici Senza Frontiere, uccidendo 22 persone tra pazienti e membri dello staff.



Barack Obama

Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2015 alle 19:09 sul giornale del 16 ottobre 2015 - 1853 letture