Atletica leggera, doping: chiesta la squalifica per 26 azzurri

Atletica leggera 1' di lettura 02/12/2015 - La Procura nazionale antidoping ha chiesto la squalifica di due anni per 26 atleti italiani, accusati di aver eluso i controlli antidoping.

Non si parla di casi di positività, gli azzurri sono stati deferiti per la violazione dell'articolo 2.3 delle norme sportive antidoping ("elusione, rifiuto e omissione di sottoporsi ai prelievi dei campioni biologici"). I provvedimenti sono stati emessi nell'ambito dell'indagine della Procura del Coni avviata in seguito all'inchiesta della Procura di Bolzano sul caso Schwazer.

Le possibili squalifiche rischiano di menomare la spedizione azzurra ai Giochi Olimpici di Rio. Tra i 26 deferiti ci sono diversi nomi illustri dell'atletica leggera italiana, alcuni già qualificati per Rio, come Andrew Howe, Daniele Greco, Fabrizio Donato, Daniele Meucci, Giammarco Tamberi e Giuseppe Gibilisco (già ritirato).

Questo l'elenco completo dei deferiti: Roberto Bertolini, Migidio Bourifa, Filippo Campioli, Simone Collio, Roberto Donati, Fabrizio Donato, Giovanni Faloci, Matteo Galvan, Giuseppe Gibilisco, Daniele Greco, Andrew Howe, Anna Incerti, Andrea Lalli, Stefano La Rosa, Claudio Licciardello, Daniele Meucci, Christian Obrist, Ruggero Pertile, Jacques Riparelli, Silvia Salis, Fabrizio Schembri, Daniele Secci, Daddour Slimani, Gianluca Tamberi, Marco Vistalli, Silvia Weissteiner






Questo è un articolo pubblicato il 02-12-2015 alle 18:55 sul giornale del 03 dicembre 2015 - 1696 letture

In questo articolo si parla di sport, atletica leggera, doping, marco vitaloni, squalifica, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arb2





logoEV