Camera: aboliti i rimborsi per i viaggi degli ex deputati

1' di lettura 03/12/2015 - All’unanimità l’Ufficio di presidenza della Camera ha deciso l’abolizione dei rimborsi per le spese di viaggio degli ex deputati.

Saranno 900 mila gli euro risparmiati all’anno. È stato il M5S a proporre questa estate un provvedimento anti-casta per abolire la norma. Fino ad ora infatti agli ex-deputati venivano rimborsate le spese per spostarsi in Italia: treno, aereo, nave, autostrada. I rimborsi variavano in base al numero di legislature fino a 3.200 euro all’anno. Era anche possibile usufruire dell’agenzia di viaggio che opera nella struttura di Montecitorio.

La norma sarà in vigore a partire dal 2016. Nulla cambia invece per i 35 milioni di euro stanziati per i viaggi dei parlamentari in carica. Nessuna novità per gli ex senatori, che mantengono il privilegio per dieci anni consecutivi all'ultima legislatura in cui sono stati in carica.






Questo è un articolo pubblicato il 03-12-2015 alle 15:41 sul giornale del 04 dicembre 2015 - 1569 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, camera dei deputati, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/arfH





logoEV